Come ottenere un cuoio capelluto sano

Un cuoio capelluto in buona salute è essenziale per favorire una crescita fluente dei capelli.

Tuttavia in situazioni di stress dovute ad esempio all’aria secca del riscaldamento o a uno styling troppo aggressivo, viene compromesso il suo naturale equilibrio e compaiono macchie secche, forfora, prurito in testa e crosticine e nei casi più estremi la caduta.

Allora, come ottenere un cuoio capelluto sano?

SOMARIO
    Add a header to begin generating the table of contents

    Quando il cuoi capelluto non è sano?

    Un cuoio capelluto irritato e arrossato è una tortura per chi ne soffre. Possibili ragioni sono stress, cattiva alimentazione o cambiamenti ormonali, ma spesso semplicemente i prodotti per capelli sbagliati.

    I disturbi più comuni di un cuoio capelluto in cattiva salute sono

    • forfora

    • eczema

    • psoriasi

    • prurito

    • irritazione

    • arrossamento

    • dolore

    • macchie

    • alopecia

    • follicolite

    Benefici di un cuoio capelluto in salute

    La cura della pelle e dei capelli gioca un ruolo importante nella vita di tutti i giorni, ma il cuoio capelluto viene spesso trascurato. E invece merita la massima attenzione!

    Sai perché?

    Perché è lì che nascono, crescono e si sviluppano i nostri capelli. Ciascun capello nasce infatti da un singolo follicolo (in totale ce ne sono circa centomila), dove trova il suo habitat ideale grazie al sebo, che ne mantiene il corretto livello di idratazione.

    Quando viene compromesso il naturale equilibrio tra capelli e cuoio capelluto, ecco che sorgono i problemi. Si forma la forfora, la chioma perde la sua lucentezza e diviene fragile, la pelle del cuoio capelluto diviene secca e disidratata.

    Ecco perché è fondamentale mantenere sempre in buona salute questa fondamentale parte del nostro corpo.

    Come mantenere il benessere del cuoio capelluto

    cuoio-capelluto

    Proprio come il viso, anche il cuoio capelluto si ricopre di impurità. Pensa solo allo sporco che puoi vedere su un asciugamano se ti sfreghi il viso dopo una lunga giornata: ecco quello sporco si trova anche sul cuoio capelluto.

    Gli oli accumulati rendono i capelli spenti e opachi. Per evitare un cuoio capelluto grasso, è importante lavare i capelli a intervalli regolari, ma senza esagerare.

    Se infatti i lavaggi frequenti rimuovono gli oli naturali e causano secchezza, desquamazione e irritazione, anche i lavaggi poco frequenti sono controindicati.

    La chiave è trovare il giusto equilibrio e capire cosa funziona meglio per te, oltre a seguire questi semplici consigli. Scoprirai così come avere un cuoio capelluto sano e come prendersene cura con poche e semplici attenzioni quotidiane.

    Usa prodotti delicati

    La regola numero uno è leggere sempre l’etichetta dei prodotti che applichi sui tuoi capelli. Sai bene che alcune sostanze come i solfati, alcoli e profumi possono essere aggressive, rendendo le tue ciocche secche, crespe e facilmente irritabili.

    Cerca sempre prodotti formulati con INGREDIENTI NATURALI!

    Mantieni l'umidità

    Anche la temperatura dell’acqua è importante. Evita un getto troppo caldo ma prediligi l’acqua tiepida: in questo modo il sebo rimane sui capelli e mantiene un corretto livello di umidità.

    Inoltre, lascia asciugare i capelli all’aria tutte le volte che puoi.

    Massaggia con amore

    Prenditi cura del tuo cuoio capelluto secco mentre fai lo shampoo e massaggialo con dolcezza, anziché strofinarlo con foga. Stimolerai così la circolazione sanguigna senza correre il rischio di provocare involontariamente delle micro ferite.

    Idratali

    Molti esperti sconsigliano l’uso del balsamo poiché si ritiene che appesantiscano i capelli sottili e ostruiscano i pori. Tuttavia un cuoio secco – proprio come il tuo viso – ha bisogno di essere idratato.

    Applica il balsamo direttamente sul cuoio capelluto e poi risciacqua abbondantemente.

    Inoltre, per ripristinare la lucentezza e la salute dei capelli, è possibile utilizzare un trattamento a base di oli una volta alla settimana. L’olio dell’albero del tè o l’olio di argan sono noti per le loro proprietà antibatteriche e sono ideali per combattere la forfora.

    Fai uno scrub

    L’esfoliazione del cuoio capelluto è importante come quella del viso. Aiuta a rimuovere le impurità e le cellule morte, stimolando nello stesso tempo la circolazione

    Puoi preparate scrub per il cuoio capelluto anche tu, seguendo questi semplici passaggi:

    • mescola due cucchiai di zucchero di canna con due cucchiai di fiocchi d’avena finemente macinati. Unisci una spruzzata di balsamo

    • lava i capelli come al solito con lo shampoo antiforfora (o formulato in base alle tue specifiche esigenze, come lo shampoo per cute secca o uno per cute grassa) e quindi applica la miscela sul cuoio capelluto con movimenti delicati e circolari.

    • lascia agire qualche minuto e poi risciacqua con cura

    Applica una maschera

    Anche se la maschera che stiamo per proporti suona più come una specialità per la prima colazione, in realtà è un ottimo rimedio per il cuoio capelluto irritato e secco. Lo yogurt ha un effetto calmante (puoi cercare nel web dermatite seborroica rimedi naturali), mentre l’alto contenuto di proteine ​​e grassi nelle uova nutre e idrata il cuoio capelluto.

    Ecco come fare la tua maschera cuoio capelluto:

    • miscela 4 o 5 cucchiai di yogurt naturale con un uovo

    • massaggia il composto sul cuoio capelluto

    • lasciare in posa perdieci minuti

    • risciacquare abbondantemente con acqua tiepida o fredda

    È proprio come un benefico impacco cuoio capelluto irritato ed è ideale in caso di pelle sensibile al tattobruciore.

    Trova il giusto ritmo

    Se hai i capelli grassi, ti verrà spontaneo lavarli anche tutti i giorni, ma questo può avere un effetto contrario. Più li lavi, infatti, più il tuo cuoio capelluto è stimolato a produrre il sebo per mantenere le tue ciocche correttamente idratate. E alla fine, avrai i capelli ancora più unti.

    Anche se hai un cuoio capelluto tendente al secco puoi trarre beneficio da un lavaggio meno frequente, per dare il tempo ai follicoli di produrre il sebo necessario. Contribuirai così a diminuire anche l’irritazione cuoio capelluto.

    La frequenza ideale? Non più di tre volte alla settimana.

    Aiutati con gli omega-3

    Si dice che la miglior cura per promuovere una crescita sana dei capelli debba provenire dall’interno del corpo, prima che dall’esterno. E sembra che gli omega-3 siano efficaci per rinforzare le ciocche.

    Perché non provare con un integratore? Il tuo medico saprà consigliarti quello più adatto a tre.

    Segui una dieta equilibrata

    Non te l’aspettavi, vero? In effetti, anche i cibi sbagliati o la mancanza di vitamine possono influire negativamente sui capelli e sul cuoio capelluto. Una dieta equilibrata ricca di frutta e verdura fornisce al cuoio capelluto tutti i nutrienti essenziali di cui ha bisogno per la produzione di cellule nuove e sane.

    Quindi riduci il consumo di sale e alcol e cerca di evitare il cibo spazzatura. Non dimenticarti di bere sufficiente acqua.

    Riduci i trattamenti aggressivi

    Le sostanze chimiche contenute nei prodotti di styling dei capelli possono irritare il cuoio capelluto. Si consiglia quindi di limitare il loro impiego e di affidarsi sempre a un professionista per la loro applicazione.

    In caso di prurito al cuoio capelluto o bruciore, dillo subito al tuo stilista e interrompi il trattamento capelli.

    Proteggiti dal sole

    È una buona abitudine indossare sempre un capello quando si è esposti al sole. La protezione del cuoio capelluto dai raggi uv è una precauzione di fondamentale importanza per tutelarlo dall’insorgere del tumore della pelle.

    Puoi anche applicare una crema solare ad ampio spettro o utilizzare uno shampoo appositamente formulato per attenuare gli effetti negativi del sole.

    Conclusioni

    Il cuoio capelluto soffre ogni giorno a causa di un’infinità di agenti aggressivi: calore del riscaldamento, freddo del condizionatore, tinture chimiche per capelli, calore, radiazioni uv, strumenti di styling ad alte temperature. Tutto questo può far insorgere una serie di disturbi più o meno evidenti, come forfora, arrossamenti, eczema. Persino dolore al cuoio capelluto.

    E non dimentichiamo che solo un cuoio capelluto sano può produrre capelli sani! Quindi bisogna correre ai ripari. A volte bastano pochi, semplici accorgimenti per mantenerlo in perfetta salute!

    Scroll to Top