Psoriasi: sintomi, cause e trattamenti

Soffri di chiazze pruriginose, rosse e squamose? Allora potresti avere a che fare con la psoriasi. Questa condizione della pelle può essere molto fastidiosa, oltre che assolutamente antiestetica. 

Per fortuna ci sono diversi tipi di terapie che sono studiate per alleviare i sintomi e per ridurre i disturbi, come l’insopportabile prurito.

Vuoi sapere di più sull’argomento psoriasi: sintomi, cause e trattamenti

Allora ti diciamo tutto su questo disturbo e sulla strada da seguire per affrontarlo nel modo più efficace.

SOMARIO
    Add a header to begin generating the table of contents

    Che cos'è la psoriasi

    La psoriasi è una condizione cronica della pelle di cui soffrono in Italia quasi tre milioni di persone, con un età compresa tra i 15 e i 45 anni. È causata da una produzione cellulare accelerata dell’epidermide. 

    La forma più comune è la psoriasi a placche (nota anche con il nome scientifico di psoriasi vulgaris). È caratterizzata dalla presenza di macchie rosse sulla pelle e squamose che possono essere molto pruriginose e di solito compaiono su braccia, gambe, schiena o glutei. 

    In altre forme di psoriasi le manifestazioni possono interessare varie parti del corpo, come il cuoio capelluto e i genitali. C’è anche la psoriasi unghie. In alcuni pazienti si possono verificare anche problemi articolari.

    La psoriasi non è contagiosa ed è particolarmente comune nei giovani adulti, ma può manifestarsi anche più tardi nella vita o in giovanissima età.

    Sintomi della psoriasi

    La psoriasi si presenta in diverse forme. La maggior parte delle persone che ne viene colpita ha la psoriasi volgare. Si manifesta sotto forma di macchie rosse che hanno in genere le seguenti caratteristiche:

    • sono singole o estese, di dimensioni variabili e possono anche fondersi tra loro
    • presentano scaglie biancastre o grigio argento, che si staccano facilmente
    • generano prurito, sopratutto se le macchie sono poco evidenti
    • compaiono in genere sui gomiti (la ben nota psoriasi gomito) e sulle ginocchia, sulla testa e sulla parte bassa della schiena
    • a volte si trovano nelle pieghe del corpo, ad esempio nell’inguine, nelle ascelle, nei glutei o sotto il seno
    • possono rimanere per alcune settimane, ma a volte durano per tutta la vita
    • se le macchie scompaiono, la pelle può rimanere per qualche tempo un po’ più chiara o un po’ più scura.

    Nei pazienti più piccoli è diffusa un’altra forma, la psoriasi guttata. A volte origina solo alcune macchie rotonde fino a un centimetro, specialmente sul tronco, sulle braccia e sulle cosce.

    Come viene diagnosticata la psoriasi

    Sulla base delle manifestazioni cutanee, il tuo dermatologo può effettuare una diagnosi diretta ad occhio nudo. 

    In caso di dubbio, viene eseguita una biopsia. Questo esame consiste nel prelevare un piccolo frammento di pelle per effettuare un test in laboratorio ed escludere così che si tratti di altre patologie dell’epidermide.

    Tipi di psoriasi

    tipi-di-psoriasi

    Anche se i sintomi come chiazze rosse, squamose e prurito nella psoriasi sono spesso gli stessi, si può fare una distinzione tra le seguenti forme:

    Psoriasi a placche

    Come abbiamo già anticipato, si tratta della forma più comune, che interessa oltre l’80% dei casi. È solitamente limitata a una forma minore, ma può manifestarsi anche in casi gravi. 

    A volte è molto fastidiosa e può influenzare la qualità della vita dei pazienti.

    Psoriasi inversa

    La forma di psoriasi inversa si manifesta principalmente nelle pieghe del corpo, come in prossimità delle ascelle e dell’inguine. 

    Si rivela molto fastidiosa quando ci si muove molto.

    Psoriasi capitis

    È una forma che si sviluppa intorno all’attaccatura dei capelli e dietro le orecchie. 

    Dal momento che si manifesta sul cuoio capelluto, viene spesso confusa con la dermatite seborroica.

    Psoriasi guttata

    Con questa forma possono comparire piccole macchie su tutto il corpo. In alcuni casi, può sviluppare la psoriasi a placche.

    Psoriasi unguum

    Come suggerisce il suo nome latino, è una forma di psoriasi che interessa le unghie.

    Psoriasi palmoplantare

    La psoriasi palmoplantare si manifesta quasi esclusivamente sotto forma di psoriasi mani e delle piante dei piedi.

    Psoriasi eritrodermica

    Provoca un notevole arrossamento della pelle, con bruciore e l’insorgere si squame. Le  cause psoriasi in questa fora possono essere diverse, come ad esempio infezioni o scottature solari di notevole entità. 

    Richiede una cura tempestiva per evitare che possa degenerare in altri tipi di patologie.

    Artrite psoriasica

    Nota anche come  psoriasi artropatica, colpisce le articolazioni minori (come quelle delle mani, delle dita e dei piedi) in modo asimmetrico, differenziandosi così dall’artrite reumatoide.

    Psoriasi pustolosa von Zombusch

    È una forma di psoriasi particolarmente grave e può essere accompagnata da pustole, febbre e dolore.

    Come si sviluppa la psoriasi

    La pelle è composta da diversi strati. Lo strato più esterno è chiamato strato corneo dell’epidermide. 

    È costituito da cellule epiteliali morte e dure, che svolgono una funzione protettiva. Vengono chiamate anche cellule cheratinizzate e un esempio comune è il callo ai piedi.

    Nuove cellule continuano a crescere sotto lo strato corneo per sostituire le cellule superiori.

    La causa della psoriasi è ad oggi sconosciuta. Sappiamo che si verifica in queste circostanze:

    • c’è un’infiammazione che fa diventare callosa la pelle più rapidamente.
    • l’ereditarietà gioca un ruolo importante. Uno dei genitori ha la psoriasi? Allora i figli hanno il 10% di possibilità di contrarla. Se ce l’anno entrambi i genitori ce l’hanno, la probabilità sale al 50%.
    • la psoriasi non è contagiosa.

    I focolai possono originarsi in diversi modi:

    • danno alla pelle (taglio/graffio): questo può generare una macchia di psoriasi una o due settimane dopo
    • bruciore della pelle
    • fatica
    • infezioni
    • stress

    La psoriasi può essere leggermente aggravata con l’assunzione di alcuni farmaci, come pillole per la malaria, alcuni antidolorifici e medicine per la pressione del sangue.

    È più comune nelle persone che fumano o bevono alcolici regolarmente. Non è tuttavia provato che ci sia una relazione tra fumo/alcol e questa patologia.

    Come prevenire la riacutizzazione della psoriasi

    Se sei affetto da psoriasi, puoi fare molto per tenere a bada questa fastidiosa patologia. Qui di seguito trovi alcuni importanti suggerimenti a proposito del tema: psoriasi come curarla con metodi a portata di tutti.

    Mantieni la pelle idratata

    La pelle affetta da psoriasi ha bisogno di essere idratata con cura. Procedi così:

    • asciuga sempre l’epidermide dopo il bagno o la doccia (senza sfregare per evitare di irritarla)
    • stendi su tutto il corpo una crema idratante, adatta alla psoriasi
    • per idratare il corpo anche dall’interno è importante bere almeno due litri di acqua al giorno: impedirai così alla pelle di seccarsi

    Tratta con cura l'epidermide e il cuoio capelluto

    In caso di psoriasi è fondamentale porre la massima attenzione alla pelle:

    • non staccare le squame
    • stai attento a non tagliarti, anche quando fai la manicure
    • in caso di psoriasi cuoio capelluto, usa shampoo specifici come quelli al catrame 
    • fai il bagno tutti i giorni per aiutare a eliminare le placche di psoriasi, favorendo così l’esfoliazione naturale della pelle. Usa un sapone delicato ed evita l’acqua troppo calda.

    Proteggiti dal clima avverso

    La pelle è continuamente stressata in inverno. Da un lato per via dell’effetto essiccante del freddo e dall’altro a causa dell’irritazione provocata dall’abbigliamento sintetico. 

    Quindi:

    • indossa sempre una t-shirt in cotone sotto un maglione o una felpa
    • metti un paio di guanti foderati di seta 
    • assicurati che la tua pelle sia ben idratata, poiché l’aria fredda la può seccare rapidamente
    • se il riscaldamento secca eccessivamente l’aria, usa un deumidificatore

    Fai attenzione ai farmaci

    Alcuni farmaci possono contribuire a un peggioramento dei sintomi, ostacolando la psoriasi terapia. Fra questi vi sono il litio carbonato, utilizzato per il trattamento del disturbo bipolare; il propanolo per combattere l’ipertensione e la chinidina, una medicina contro le aritmie cardiache.

    Il tuo medico saprà consigliarti come sostituire questi farmaci, in base alla specifica patologia.

    Evita lo stress

    Lo stress è sia un fattore scatenante per la riacutizzazione delle malattie della pelle sia una loro conseguenza. Un maggior controllo può migliorare la qualità della vita, evitando l’insorgere della psoriasi da stress.

    Vale sicuramente la pena provare attività come yoga, terapia di rilassamento e massaggi.

    Fai il possibile per non grattarti

    La psoriasi provoca prurito, ma se ti gratti irriti la pelle. Di conseguenza, aumenta la voglia di grattarsi. Prodotti idratanti e spray termici possono ridurre il prurito. 

    Inoltre, la tendenza a grattarsi è anche di natura psicologica. Può essere utile grattare un cuscino o un materiale morbido per rivolgere altrove questa tentazione.

    Smetti di fumare (una volta per tutte!)

    Molte persone che soffrono di psoriasi fumano. Se sai che il tabacco può causare o peggiorare la tua condizione, smettere di fumare è davvero l’unica scelta, anche se difficile.

    Goditi il sole (con moderazione)

    Il sole può aiutare ad alleviare la psoriasi, favorendo la guarigione delle placche. 

    Applica una buona crema solare con elevata protezione (almeno SPF 50) ogni due ore. Fai attenzione, perché la pelle bruciata può avere l’effetto opposto nella psoriasi.

    Dedicati allo sport

    L’esercizio ha un impatto positivo sul tuo stato psicologico e nello stesso tempo rafforza anche il tuo sistema immunitario. 

    Assicurati in ogni caso che la pelle non venga irritata dall’attrito con gli abiti o con eventuali attrezzi.

    Segui una dieta equilibrata

    Psoriasi e alimentazione sono strettamente correlate. Il regolare consumo di frutta e verdura aiuta ad aumentare l’apporto idrico al tuo corpo. 

    Secondo alcuni pazienti i sintomi psoriasi si attenuano escludendo dalla dieta i latticini e il glutine.

    Cosa puoi fare da solo con la psoriasi?

    Se soffri di psoriasi, cerca di evitare i fattori che aggravano i sintomi:

    • evita di scottarti
    • cerca di non danneggiarti la pelle (lividi, sfregamenti o graffi).
    • tieni le unghie corte
    • non fare la doccia e il bagno troppo caldo o troppo a lungo
    • usa poco sapone (ancora meglio: non usarlo)
    • se fumi o bevi alcolici regolarmente, cerca di astenerti per un po’ e vedere se i sintomi migliorano
    • annota in quali situazioni i tuoi sintomi diminuiscono o peggiorano, puoi così scoprire  quali fattori hanno un’influenza

    Trattamento della psoriasi

    Purtroppo, ad oggi, non si sa ancora come curare la psoriasi. Tuttavia, un trattamento adeguato può aiutare a ridurre i sintomi.

    Unguenti o creme non medicali

    Applica un unguento neutro, come la vaselina o una crema grassa, se possibile almeno due volte al giorno. Questo aiuta a prevenire la secchezza e l’irritazione della pelle, riducendo il prurito, l’arrossamento e la desquamazione. 

    Continua il trattamento, anche se i sintomi sono scomparsi.

    I prodotti non medicali sono disponibili senza prescrizione medica. Alcuni esempi includono

    • unguento base al cetomacrogol
    • crema alla vaselina
    • unguenti rinfrescanti formulati con ingredienti naturali

    Unguenti o creme medicali

    Nei periodi in cui il prurito, l’arrossamento o la desquamazione peggiorano, puoi usare anche un unguento o una crema per psoriasi che contenga dei principi attivi.

    Quindi continua ad applicare la crema o l’unguento neutri due volte al giorno.

    Fra i prodotti medicali più idonei ricordiamo:

    • corticosteroidi (unguenti, creme o lozioni). Inibiscono l’infiammazione della pelle e riducono il prurito. Si applicano alla sera, un’ora prima dell’utilizzo della crema neutra
    • equivalenti della vitamina D (unguento, crema o lozione). Riducono le eruzioni cutanee, ma possono anche irritare la pelle. Pertanto, di solito vengono somministrati insieme a un corticosteroide. Si applicano al mattino, seguiti dopo un’ora dalla crema neutra.

    In farmacia puoi trovare anche unguenti o gel che contengono entrambi i farmaci, sia l’equivalente della vitamina D che i corticosteroidi, come pure una crema per psoriasi con cortisone.

    Acido salicilico

    Le aree del corpo che presentano strati spessi di desquamazione devono essere prima trattate con acido salicilico 10% in crema. 

    Applica la crema sulle scaglie alla sera. Di solito lo strato di scaglie si stacca entro 2 o 3 giorni. Se i fiocchi tendono a staccarsi, puoi rimuoverli con molta attenzione per non danneggiare la pelle.

    Fasciatura

    A volte un unguento o una crema funzionano meglio se si applica una benda idrocolloidale. Prima, però, è meglio chiedere il parere del tuo medico.

    Shampoo al catrame

    In caso di cuoio capelluto arrossato per via della psoriasi è consigliato l’utilizzo di uno shampoo psoriasi al catrame di carbone. Questo prodotto può aiutare in presenza di uno strato di scaglie leggere.

    Applicalo in questo modo:

    • bagna i capelli
    • applica lo shampoo con un lieve massaggio
    • lascia agire per almeno mezzo minuto, quindi risciacqua
    • ripeti l’applicazione subito dopo

    Fai questo trattamento a giorni alterni per 10 giorni. Poi 2 o 3 volte a settimana.

    Quando la desquamazione scompare, puoi ridurre gradualmente l’uso dello shampoo al catrame di carbone, alternandolo con uno shampoo normale.

    Al mattino puoi rimuovere le scaglie pettinando delicatamente i capelli.

    Vivere con la psoriasi

    Una condizione della pelle come questa non giova alla tua autostima. Tra l’altro, la psoriasi si manifesta spesso in parti del corpo che sono sotto gli occhi di tutti.

    Così, alla fastidiosa sensazione fisica di prurito o bruciore, si aggiunge il disagio psicologico: gli sguardi eloquenti delle altre persone ti rendono consapevole del tuo aspetto diverso. In alcuni casi (per fortuna rari) si può arrivare anche al body shaming.

    Cerca di accettare la condizione della tua epidermide e non sentirti frustrato per nessuna ragione. Se riesci a viverla positivamente, ti toglierai un gran peso e ti sentirai di nuovo a tuo agio nella tua pelle!

    Conclusioni

    Prurito, macchie rosse e scaglie bianche sono i sintomi più frequenti della psoriasi, una condizione cronica della pelle. Anche se non esiste una psoriasi cura definitiva, vari tipi di trattamenti possono aiutare a ridurre il fastidio.

    E come in tutte le cose, una dieta equilibrata, con tanta frutta e verdure, insieme a una regolare attività fisica può contribuire a stare meglio con il corpo e con la mente, anche in caso di psoriasi.

    Fonti:

    Scroll to Top